Home.

Rivista

spaceleft Mappa Biblioteca Calendario Didattica E-Book Memoria Repertorio Rivista spaceright
2010: 1 / 2
2009
2008
2007
2006: 1 / 2
2005: 1 / 2
2004: 1 / 2
2003: 1 / 2
2002: 1 / 2
2001: 1 / 2
2000
 
RICERCA
 
INDICE

 

IV - 2003 / 2 - luglio-dicembre

Schedario


Marco Meschini,
Innocenzo III e il "negotium pacis et fidei" in Linguadoca tra il 1198 e il 1215,
Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale
Università Cattolica del Sacro Cuore, 2003.


Indice

Capitolo I: Diritto ed eresia tra il XII e l'inizio del XIII secolo

Capitolo II: Innocenzo III e l'eresia

Capitolo III: Il negotium pacis et fidei e le crociate albigesi

Capitolo IV: Guerra e propaganda nella prima crociata albigese

Conclusioni

Bibliografia

Carte geografiche
Cartina 1 - La Linguadoca all'inizio del 1209
Cartina 2 - La Linguadoca nel settembre del 1209
Cartina 3 - La Linguadoca all'inizio del 1213
Cartina 4 - La Linguadoca alla fine del 1215

Appendice 1: Geografia e cronologia del negotium pacis et fidei
Appendice 2: Edizione del Versus de victoria comitis Montisfortis
Appendice 3: Comparazione tra Guglielmo di Tudela e Pietro di Vaux-de-Cernay
Appendice 4: Due rose della cattedrale di Chartres

Indice dei nomi


Abstract

Rilettura complessiva del papato di Innocenzo III nei suoi rapporti con l'eresia, soprattutto linguadociana, del negotium pacis et fidei tra il 1198 e il 1215 e in particolare con la cosiddetta 'crociata contro gli albigesi' nella sua prima fase, caratterizzata dalla iniziativa innocenziana e cistercense, giacché la conduzione politica della crociata dipese molto dai legati cistercensi, e 'montfortiana', da Simone di Montfort, capo militare della crociata († 1218).

Dal punto di vista giuridico nell'ultimo quarto del XII secolo progressivamente si accentuò l'attenzione sui fautori degli eretici, piuttosto che sugli eretici in quanto tali. Tappe particolarmente importanti di questa evoluzione si ebbero con il canone 27 (Sicut ait beatus Leo) del III concilio lateranense (1179) e la decretale innocenziana Vergentis in senium (1199).

Dopo avere ricostruito l'atteggiamento complessivo di Innocenzo III davanti ai casi concreti di eresia cui dovette fare fronte, si considerano in particolare i rapporti tra il papa e la Linguadoca. La 'prima crociata albigese' dal 1207 al 1215 fu diretta appunto contro i fautori degli eretici, i quali erano ormai considerati eretici anch'essi. Importante la rivisitazione del significato di uno dei fatti più noti dell'intera vicenda, l'omicidio del legato Pietro di Castelnau (1208): non causa scatenante né pretesto, bensì elemento catalizzatore di tensioni politiche e sociali già da tempo attivate.

Nel 1215 la crociata aveva raggiunto la maggior parte dei suoi obiettivi iniziali, anche se l'oscillante atteggiamento politico e teoretico del papa ne pregiudicò i risultati proprio nel momento di cogliere i frutti della vittoria sul campo.

Per il caso albigese si deve parlare più di 'guerra di propaganda', che di 'propaganda di guerra'. L'analisi delle fonti narrative (la Canso di Guglielmo di Tudela, l'Anonimo continuatore della sua opera, l'Hystoria albigensis del Pietro di Vaux-de-Cernay e l'Historia di Guglielmo di Puylaurens, il Versus de victoria comitis Montisfortis) intese come strumento di propaganda nella crociata albigese, ha evidenziato legami di dipendenza reciproca che fanno postulare una conoscenza personale dei diversi autori e diversi scambi di informazioni.


Autore

Marco Meschini (Varese, 1972) è dottore di ricerca in Storia medievale presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È stato borsista dell'École Française de Rome (2002) e presso i Monumenta Germaniae Historica (2003). È autore di una monografia: San Bernardo e la seconda crociata, pref. di F. Cardini, Mursia, Milano 1998 e curatore di una miscellanea: Mediterraneo Medievale. Cristiani, musulmani ed eretici tra Europa e Oltremare (secoli IX-XIII), Vita e Pensiero, Milano 2000, all'interno della quale compare il saggio: Il 'negotium pacis et fidei' in Linguadoca tra XII e XIII secolo secondo Guglielmo di Puylaurens, pp. 131-168. In corso di stampa: " Diabolus… illos ad mutuas inimicitias acuebat ": divisions et dissensions dans le camp des croisés au cours de la première croisade albigeoise [1207-1215]), in La croisade albigeoise. Atti del convegno del Centre d'Études Cathares di Carcassonne. Collabora con case editrici italiane e straniere, quotidiani e periodici.

©   2000
Reti Medievali

UP