Home.

Rivista

spaceleft Mappa Biblioteca Calendario Didattica E-Book Memoria Repertorio Rivista spaceright
2010: 1 / 2
2009
2008
2007
2006: 1 / 2
2005: 1 / 2
2004: 1 / 2
2003: 1 / 2
2002: 1 / 2
2001: 1 / 2
2000
 
RICERCA
 
INDICE

 

III - 2002 / 2 - luglio-dicembre

Schedario


Adele Cilento
Potere e monachesimo.
Ceti dirigenti e mondo monastico nella Calabria bizantina (secoli IX-XI)
Firenze, Nardini, 2000


Indice

Presentazione di Giovanni Cherubini
Premessa

Cap. I: Una provincia dell'impero d'Oriente: la Calabria nei secoli IX-XI

Cap. II: I rappresentanti dell'autorità imperiale: i governatori della provincia

Cap. III: L'aristocrazia locale laica ed ecclesiastica

Cap. IV: Il monachesimo e la sua autorappresentazione

Cap. V: I ceti dirigenti di fronte al mondo monastico

Fonti e Bibliografia
Indice dei nomi


Abstract

Un costume molto diffuso nella società bizantina tra i secoli IX e XI faceva del patrocinio di fondazioni monastiche una delle massime espressioni della religiosità, ma anche della potenza economica delle classi elevate. Tale attitudine non era che una delle manifestazioni visibili del complesso intreccio di relazioni che, in quei secoli, ricollegavano il potere laico al mondo monastico, tanto nella capitale quanto nelle province dell'impero bizantino nel suo momento di massimo splendore. Tra le province di frontiera, anche la Calabria vide nei secoli X-XI un decisivo sviluppo dei rapporti tra la classe arcontale e le istituzioni monastiche: ciò si riflette nella produzione documentaria, che testimonia il sostegno economico offerto dai possidenti locali ai monasteri rurali e urbani, e nei racconti agiografici, in cui compaiono sempre più frequenti episodi tendenti a raffigurare le relazioni tra il santo e i detentori del potere laico.

Questo libro propone una rilettura delle testimonianze letterarie e documentarie, e degli avvenimenti che caratterizzarono il dominio bizantino in Calabria, secondo una prospettiva tesa a definire l'identità dei ceti dirigenti e la loro interazione con la società circostante, e in particolare con i monasteri greci che, numerosi, sorgevano in questa regione.

Il libro, aperto da una presentazione di Giovanni Cherubini, è corredato da cartine delle aree interessate, da un'ampia bibliografia finale e dall'indice dei nomi.


Autore

Adele Cilento ha conseguito il Dottorato di ricerca in Storia medievale all'Università degli Studi di Torino e, attualmente, svolge l'attività di insegnante nelle scuole superiori. Ha pubblicato saggi e articoli riguardanti prevalentemente tematiche di Storia bizantina, con particolare attenzione all'agiografia e al monachesimo greco dell'Italia meridionale nei secoli IX-XI. Per la De Agostini-Rizzoli Periodici collabora con la rivista "Medioevo". E' redattrice di Reti Medievali.

©   2000
Reti Medievali

UP