Home.

Rivista

spaceleft Mappa Biblioteca Calendario Didattica E-Book Memoria Repertorio Rivista spaceright
2010: 1 / 2
2009
2008
2007
2006: 1 / 2
2005: 1 / 2
2004: 1 / 2
2003: 1 / 2
2002: 1 / 2
2001: 1 / 2
2000
 
RICERCA
 
INDICE

 

III - 2002 / 1 - gennaio-giugno

Schedario


Paolo Cammarosano,
Storia dell'Italia medievale.
Dal VI all'XI secolo
,
Roma-Bari, Editori Laterza, 2001


Indice

Parte prima
I contrasti fondamentali

I. Maschi e femmine
II. Autorità e soggezione

Parte seconda
Sconvolgimento e assestamento

I. Descrizione di tutta Italia
II. Fine e ripresa del mondo

Parte terza
I documenti delle chiese

I. Dalla fine del secolo VII agli inizi del secolo IX
II. Dagli inizi del secolo IX al Mille
III. Qualità e tempi dello sviluppo economico

Parte quarta
Società e politica

I. Divisioni politiche e ricomposizioni sociali
II. La prima affermazione dei movimenti collettivi
III. Conquiste territoriali e conflitti interni, 1040-1059
IV. I nuovi orizzonti della politica, 1059-1074
V. La nuova struttura della politica, 1074-1099

Elenco delle opere citate e delle abbreviazioni
Indice analitico


Abstract

In una grande sintesi storica vengono ripercorse le vicende e le dinamiche, i contrasti e le trasformazioni attraverso le quali l'Italia, tra i secoli VI e XI, assunse un aspetto fisico, un'articolazione geopolitica, una fisionomia socio-economica che avrebbe mantenuto per molti secoli a venire.

L'incontro fra tradizione romana e nuova cultura germanica; il rapporto gerarchicamente sempre più diseguale tra maschi e femmine; quelli, al contrario in via di riequilibrio, tra padri e figli e tra padroni e servi; quello, decisivo per i destini della civiltà medievale, tra un mondo cristiano in irresistibile ascesa e una tradizione pagana in via di sparizione: sono i contrasti fondamentali che consentono di capire il modo in cui l'Italia antica, il cuore del mondo romano, si sia trasformata e abbia partecipato al formarsi dell'Europa medievale.


Autore

Paolo Cammarosano (Forlì, 1943) è uno dei maggiori medievisti italiani. 'Normalista', insegna Storia medievale all'Università di Trieste. Si è occupato di temi di storia economica e sociale, culturale, religiosa e politica del Medioevo. Fra le sue opere: Le campagne nell'età comunale (Torino 1974), La famiglia dei Berardenghi (Spoleto 1974), Italia medievale. Struttura e geografia delle fonti scritte (Roma 1991) e Abbadia a Isola. Un monastero toscano nell'età romanica (Castelfiorentino 1993). Per gli Editori Laterza: Nobili e re. L'Italia politica dell'alto medioevo (1999²).

©   2000
Reti Medievali

UP