Home.

Rivista

spaceleft Mappa Biblioteca Calendario Didattica E-Book Memoria Repertorio Rivista spaceright
2010: 1 / 2
2009
2008
2007
2006: 1 / 2
2005: 1 / 2
2004: 1 / 2
2003: 1 / 2
2002: 1 / 2
2001: 1 / 2
2000
 
RICERCA
 
INDICE
I - 2000 / 1 - maggio-dicembre

Schedario


Claudio Azzara,
Le invasioni barbariche,
Bologna, Il Mulino, 1999.


Indice

Introduzione

1. Roma e i barbari alla vigilia delle grandi migrazioni

2. Le grandi migrazioni e la nascita dei regni nell'occidente

3. La migrazione dei longobardi in Italia e l'evangelizzazione delle stirpi barbariche

4. Le migrazioni dei popoli slavi e le ultime invasioni contro la cristianità

Conclusioni

Bibliografia


Abstract

A partire dai secoli IV-V d. C., in concomitanza con il collasso dell'impero romano d'occidente, si verificò, negli immensi spazi compresi tra l'Asia e l'Europa, un vasto processo di spostamenti a catena di popolazioni eterogenee, le quali finirono, dopo un vario e lungo peregrinare, per stabilirsi in sedi diverse da quelle d'origine, trasformando in profondità gli assetti del mondo allora noto. L'epoca delle grandi migrazioni dei popoli, o -dal punto di vista dei romani- delle invasioni barbariche, ha sempre esercitato una fortissima suggestione, ed è attualmente oggetto di un particolare interesse storiografico, che privilegia approcci articolati, con un più largo ricorso alle informazioni e ai metodi di scienze quali l'archeologia o l'etnoantropologia, giungendo a risultati che modificano nella sostanza molte delle conoscenze acquisite.

La presente monografia ripercorre le complesse vicende che portarono alla sostituzione dell'impero d'occidente con una pluralità di regni barbarici, assai eterogenei e di disuguale durata, fino agli estremi fenomeni migratori che investirono lo spazio europeo cristiano nei secoli X-XI. Lo studio, che oltre a ricostruire i principali fatti politico-istituzionali si sofferma anche sugli aspetti culturali e religiosi, è teso non solo a fare il punto sulle singole questioni, ma anche ad indicare le ulteriori linee di sviluppo dell'indagine storica su avvenimenti che si pongono alla radice della nostra civiltà.


Autore

Claudio Azzara (Venezia, 1964) insegna Esegesi delle fonti storiche medievali nell'Università "Ca' Foscari" di Venezia. Si occupa prevalentemente di storia politica e istituzionale dell'alto medioevo. Tra le sue pubblicazioni precedenti: Venetiae. Determinazione di un'area regionale fra antichità e alto medioevo (Treviso, 1994); L'ideologia del potere regio nel papato altomedievale (secoli VI-VIII) (Spoleto, 1997).

©   2000
Reti Medievali

UP