Home.

Rivista

spaceleft Mappa Biblioteca Calendario Didattica E-Book Memoria Repertorio Rivista spaceright
2010: 1 / 2
2009
2008
2007
2006: 1 / 2
2005: 1 / 2
2004: 1 / 2
2003: 1 / 2
2002: 1 / 2
2001: 1 / 2
2000
 
RICERCA
 
INDICE

 

VIII - 2007

Saggi


Fabio Romanoni

«Come i Visconti asediaro Pavia». Assedi e operazioni militari intorno a Pavia dal 1356 al 1359

Abstract

La conquista definitiva di Pavia da parte dei Visconti giunse alla fine di una vicenda complessa e drammatica, che vide diversi attori giocare un ruolo sullo scenario territoriale pavese: gli eserciti e le flotte viscontee, le potenze territoriali vicine come i marchesi di Monferrato, l’élite dirigente della città e in particolare la famiglia Beccaria. Il saggio esamina tanto gli aspetti tecnico-militari quanto la dinamica politica che si sviluppa in città. Sotto il primo punto di vista, l’interesse si appunta dunque sul ‘blocco’ che strinse la città, isolandola, nell’estate del 1356, sulle fortificazioni da campo e sulla loro dislocazione, sul ruolo della flotta fluviale Nella seconda prospettiva, si illustrano i contraccolpi che le vicende dell’assedio ebbero sulla società pavese, impegnata nell’ultima disperata difesa dell’autonomia municipale, sostenuta dal frate agostiniano Iacopo Bussolari in funzione di predicatore ma anche di leader politico: emergono dunque i dissensi e i contrasti politici tra i cittadini, la loro mobilitazione in armi, ma anche il fuoruscitismo.

The definitive conquering of Pavia by the Viscontis occurred at the end of a complex and dramatic situation, that saw diverse actors play a role on the territorial scene of Pavia: the armies and fleets of the Viscontis, the territorial forces like the marquis from Montferrat, the élite management of the of the city and in particular the Beccaria family. The present essay scrutinises in depth the technical-military aspects as well as the political trends that were developed in the city. Under the first point of view, the interest is, therefore, focused on the ‘block’ that tightened the hold on the city, isolating the same, in the summer of 1356, on the battlefield fortifications and their dislocation, on the role of the fluvial fleets. In the second prospective, the counterblows that the events of the siege had on the community of Pavia, engaged in the last desperate defence for the autonomy of the city, sustained by the Augustinian friar Jacopo Bussolari as a preacher but also as a political leader: therefore, the political disagreements and contrasts emerged amongst the citizens, the mobilisation to arms but also the discharging.

 

© 2007 - Fabio Romanoni per "Reti Medievali"


Citabile come Fabio Romanoni, «Come i Visconti asediaro Pavia». Assedi e operazioni militari intorno a Pavia dal 1356 al 1359, "Reti Medievali - Rivista", VIII, 2007, url: <http://www.retimedievali.it>.

 

©   2000
Reti Medievali

UP