Home.

Rivista

spaceleft Mappa Biblioteca Calendario Didattica E-Book Memoria Repertorio Rivista spaceright
2010: 1 / 2
2009
2008
2007
2006: 1 / 2
2005: 1 / 2
2004: 1 / 2
2003: 1 / 2
2002: 1 / 2
2001: 1 / 2
2000
 
RICERCA
 
INDICE

 

IX - 2008

Saggi


Francesca Klein

Costruzione dello stato e costruzione d’archivio: ordinamenti delle scritture della repubblica fiorentina a metà Quattrocento

Abstract

Al centro dell’attenzione di questo intervento sono gli apparati della cancelleria di uno degli stati protagonisti della competizione politica del Quattrocento italiano, la repubblica fiorentina. Questa indagine intende affrontare gli assetti che si vennero a costituire in corrispondenza dell’avvento al potere di Cosimo dei Medici, in un periodo cruciale per la gestazione della Lega italica, gli anni Trenta-Cinquanta del Quattrocento. Del complesso apparato di distinti uffici e organizzazioni documentarie tradizionalmente denominato come “Cancelleria della repubblica fiorentina” non viene descritta la già fin troppo nota Cancelleria delle lettere, incaricata della comunicazione con i potentati esteri, oltre che della gestione organizzativa della diplomazia fiorentina, oggetto di attenzione sarà piuttosto l’ ufficio delle Riformagioni, incaricato della produzione e conservazione documentaria a carattere “legislativo”. Anche in tale ufficio è possibile vedere all’opera intorno alla metà del Quattrocento interventi di trasformazione tanto dell’apparato organizzativo (modifiche istituzionali dell’ufficio e delle persone operanti in esso) che dell’arsenale di scritture sedimentate (operazioni di ordinamento, inventariazione e classificazione delle carte), interventi che vanno riesaminati alla luce di un uso strategico, nuovo e di lunga durata, delle risorse professionali e documentarie ai fini della conservazione del sistema di potere mediceo.

This study is based on a research on the status of the public offices of the Cancelleria pubblica fiorentina in the mid fifteenth century political scene, which was featured by the competition among Italian states. Up until recently, the “Chancery of the Florentine Republic” has been described as a homogeneous organisation. On the contrary, until the end of the fifteenth century at least, it had been made up of several distinct bodies with separate archival deposits. The subject of this study is the documental transformation in the managing of Florentine public affairs occurred from the third to the fifth decade of the fifteenth century. This changing process is related to the rise of the medicean power, with a new Florentine diplomacy leading to the definition of the Lega Italica. The above-mentioned changes cannot only be found in the organisation of the Cancelleria delle lettere, the office charged with the correspondence with foreign states. We will focus our attention on the ufficio delle Riformagioni, which was in charge of the legislative documents. Even in this office, charged with internal affairs of the Florentine Republic, we can see how the institutional organisation and the quality of the people employed as officers were reformed in that particular period. The documentary production of papers and the structure of the archival deposits changed as well, in conjunction with long standing strategies of the new political regime.

Keywords: Medieval history, 15th century, Florence, political institutions, chancery, inventories.

 

© 2008 - Francesca Klein per "Reti Medievali"


Citabile come Francesca Klein, Costruzione dello stato e costruzione d’archivio: ordinamenti delle scritture della repubblica fiorentina a metà Quattrocento, "Reti Medievali - Rivista", IX, 2008, url: <http://www.retimedievali.it>.

 

©   2000
Reti Medievali

UP