Home.

Rivista

spaceleft Mappa Biblioteca Calendario Didattica E-Book Memoria Repertorio Rivista spaceright
2010: 1 / 2
2009
2008
2007
2006: 1 / 2
2005: 1 / 2
2004: 1 / 2
2003: 1 / 2
2002: 1 / 2
2001: 1 / 2
2000
 
RICERCA
 
INDICE

 

VII - 2006 / 1 - gennaio-giugno

Saggi


Paolo Marchetti

Spazio politico e confini nella scienza giuridica del tardo medioevo

Abstract

In quello che Paolo Grossi chiama il medioevo sapienziale i giuristi si impegnano a definire una serie di regole tese alla composizione delle controversie di confine: non ci sono infatti testi normativi precostituiti che le definiscano. Il Corpus Iuris si occupa, quasi esclusivamente, della conflittualità confinaria tra privati. Quando il richiamo ai testi del diritto romano viene effettuato serve solo per conferire ‘autorevolezza’ a soluzioni che assai spesso si fondano su pratiche di composizione legate alla prassi. Le regole elaborate dai giuristi medievali trovano così la loro formalizzazione sul piano del diritto, ma rinviano a un modo di vivere i confini tra comunità legato agli spostamenti, alle abitudini, alle comuni necessità esistenziali. D’altra parte l’esistenza di demarcazioni nette (che pure esistono) rinvia non tanto a una pretesa politica esclusiva e totalizzante, quanto piuttosto all’esercizio di diritti e prerogative determinati.

In what Paolo Grossi calls «the sapiential Middle Ages» jurists engaged themselves in defining a set of rules aiming at the settlement of boundary disputes, which previously were not established by any normative text. The Corpus Iuris concerns nearly exclusively boundary disputes between private individuals. References to texts of the Roman law were meant to give ‘authority’ to resolutions often based upon customary praxis. The norms elaborated by Middle Ages jurists are thus given a formal legal shape; yet, they are linked to a perception of the boundaries between communities that was affected by the displacements, the customs, the common needs of everyday life. On the other side the existence of actual neat demarcations was linked to the exertion of certain rights and privileges rather than to an exclusive and absolute political claim.

 

 

©  Paolo Marchetti per "Reti Medievali"


Download del testo (PDF per Acrobat Reader -  138  KB)

Citabile come Paolo Marchetti, Spazio politico e confini nella scienza giuridica del tardo medioevo,  in Distinguere, separare, condividere. Confini nelle campagne dell’Italia medievale, a cura di Paola Guglielmotti, "Reti Medievali - Rivista", VII, 2006, 1, url: <www.retimedievali.it>.

©   2000
Reti Medievali

UP