Home.

Redazione

spaceleft Mappa Biblioteca Calendario Didattica E-Book Memoria Repertorio Rivista spaceright
INDICE

 

Tiziana Lazzari

Dipartimento di Paleografia e Medievistica
Università di Bologna
p.zza S. Giovanni in Monte, 2
40124 Bologna
tel. 0039 /051 /2097808
fax 0039 /051 /2097815
e-mail tiziana.lazzari@unibo.it
URL www.dpm.unibo.it

 

Tiziana Lazzari (Bologna 1963) è ricercatore in Storia Medievale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna. Laureata all'Università di Bologna, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Storia medievale presso l'Università di Torino (VI ciclo). Per alcuni anni ha insegnato Storia dell'urbanistica medievale presso la Facoltà di Conservazione dei Beni culturali e ora insegna Storia economica e sociale del Medioevo e Storia delle città medievali alla Facoltà di Lettere dell’Università di Bologna.

Fa parte del collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Storia medievale di Bologna, è membro del Crism (Centro di Ricerca sulle Istituzioni e la Società del Medioevo) e appartiene alla redazione di Reti Medievali. Risorse on-line per gli studi medievistici.

I suoi interessi di ricerca si incentrano su temi di storia istituzionale e politica e, in particolare, sulle caratteristiche e sulle vicende delle aristocrazie e sull’organizzazione del territorio nell’alto e pieno Medioevo, sulla società, le scritture, le istituzioni e l’urbanistica delle città fra X e XIII secolo.


Tra le sue pubblicazioni:

Comitato senza città: Bologna e l’aristocrazia del suo territorio (secoli IX-XI), Torino, Paravia-Scriptorium, 1998; Società cittadina e rappresentanza cetuale a Bologna (secoli X-XII), in «Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medio Evo», n. 106/2 (2004), pp. 71-103; Esportare la democrazia? Il governo bolognese a Imola (1248-1274) e la creazione del “popolo”, in La norma e la memoria. Studi per Augusto Vasina, a cura di T. Lazzari, L. Mascanzoni, R. Rinaldi, Roma 2004 (Istituto storico italiano per il Medio Evo, Nuovi studi storici 67), pp. 399-439; Libro Rosso. Il Registrum comunis Ymole del 1239 con addizioni al 1269, edizione critica a cura di T. Lazzari con presentazione di A. Padovani, Imola, La Mandragora, 2005; Una mamma carolingia e una moglie supponide: percorsi femminili di legittimazione e potere nel regno Italico, in «C’era una volta un re», a cura di G. Isabella, Bologna 2005 (Dpm Quaderni – Dottorato, 3), pp. 41-57; Miniature e versi: mimesi della regalità in Donizone, in Forme di potere nel pieno medioevo (secc. VIII-XII). Dinamiche e rappresentazioni, a cura di G. Isabella, Bologna 2006 (Dpm quaderni – dottorato 6), pp. 57-92; La rappresentazione dei legami di parentela e il ruolo delle donne nell’alta aristocrazia del regno italico (secc. IX-X): l’esempio di Berta di Toscana, in Agire da donna. Modelli e pratiche di rappresentazione nell'alto medioevo europeo (secoli VI-X), Atti del convegno internazionale di studi (Padova, 18-19 febbraio 2005), a cura di M. Cristina La Rocca, Turnhout, Brepols, 2006, pp. 129-149; Le donne del regno Italico, in L’eredità culturale di Gina Fasoli, Atti del convegno Bologna-Bassano del Grappa (24-26 novembre 2005), a cura di Francesca Bocchi, Roma 2008; Campagne senza città e territori senza centro. Per un riesame dell’organizzazione del territorio della penisola italiana fra tardo-antico e alto medioevo (secoli VI-X), in Città e campagna, Atti della cinquantaseiesima Settimana di studi del CISAM, Spoleto 2009, in corso di stampa.


(dicembre 2008)

 

©   2000-2008
Reti Medievali

Ultima modifica: 16/02/09

UP